A Padenghe, piccolo comune della provincia di Brescia che si affaccia sul Lago di Garda, circondata da 3.000 m di giardino, una villa monofamiliare di circa 205 m² realizzata da Rubner Haus su progetto dell’Arch. Raffaele Santacroce dello studio Santacroce Architetti

A Padenghe, piccolo comune della provincia di Brescia che si affaccia sul Lago di Garda, circondata da 3.000 m di giardino, una villa monofamiliare di circa 205 m² realizzata da Rubner Haus su progetto dell’Arch. Raffaele Santacroce dello studio Santacroce Architetti, e coniuga elementi stilistici classici con sistemi costruttivi innovativi, attenendosi ai più alti standard qualitativi e a un consumo di energia bilanciato.

“I committenti – spiega l’Arch. Santacroce – desideravano innanzitutto uno spazio esteso su un unico piano e la principale richiesta era che ogni ambiente della casa fosse invaso dalla luce: per questo, il lato con la magnifica vista sul lago è stato ideato per creare un dialogo continuo tra interno ed esterno, grazie alla presenza di grandi vetrate che si affacciano sulla piscina e sul giardino. Uno degli ambienti interni in cui i proprietari volevano fortemente che le piante del giardino fossero visibili, era il bagno: in questo luogo il giardino diventa parte dell’arredamento, e permette di scorgere il lago dietro gli alberi creando una perfetta atmosfera intima e di relax. Inoltre, tutti gli spazi della casa sono ampi e accoglienti, progettati per accogliere amici e parenti che la famiglia ama spesso ricevere.”

L’abitazione doveva dare un’immediata sensazione di benessere e avere un microclima straordinariamente piacevole. “Per soddisfare queste richieste – spiega Stefan Knollseisen, Responsabile Tecnico di Rubner Haus – la casa è stata realizzata con il sistema a telaio: un sistema costruttivo ad intelaiatura di legno che consente basso consumo energetico e alta coibentazione termica. Il microclima interno è infatti ideale, privo di umidità, e mantiene la giusta temperatura in ogni stagione. Il riscaldamento, a soffitto, garantisce un calore adeguato e consumi minimi, mentre la ventilazione meccanica controllata (VMC) recupera un’elevata percentuale di calore aumentando l’efficienza energetica e creando un ambiente dall’alto comfort acustico.”

Circondata da 3.000 metri di giardino, il quale è stato progettato e realizzato dai proprietari insieme a giardinieri e artigiani locali, questa casa è stata costruita sullo stesso terreno dove la proprietaria si recava da bambina con la famiglia per passare del tempo, giocare, raccogliere muschi e fare battaglie con le palle di neve; e per questo assume un significato importante e rappresenta un prezioso contenitore di ricordi d’infanzia.

Il portico, completamente in legno dipinto di bianco come tutte le mura esterne, è la zona preferita della famiglia nelle sere d’estate, mentre l’ampio soggiorno affacciato sulla piscina è il fulcro della casa tutto l’anno, ed è il luogo più vissuto dai proprietari e i loro due figli. Per esaudire alcuni sogni dei figli, oltre alla piscina, è stato realizzato anche un campo da basket, nato soprattutto per la passione del figlio più piccolo, che si estende sul lato della casa, dove si trovano l’ingresso principale, il garage e l’accesso al bosco limitrofo.

Naturale ed ecosostenibile al 100%, il legno Rubner proviene da zone alpine a deforestazione controllata che si estendono per 150km nei dintorni della segheria del gruppo in Austria. Da oltre 50 anni, Rubner Haus costruisce case in legno in cui la tradizione e le più moderne tecnologie diventano scienza del costruire in legno.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gruppo Rubner

Nato a Chienes, in provincia di Bolzano, da una segheria ad acqua, il Gruppo Rubner, che nel 2017 ha fatturato 316M di €, impiega circa 1300 persone, conta oltre 20 società, ha stabilimenti in Italia, Austria, Germania e Francia e il 55% dei ricavi lo sviluppa oltre i confini nazionali. I prodotti spaziano da case e porte sino alla progettazione e realizzazione di grandi opere strutturali realizzate in legno lamellare come edifici multipiano, scuole, capannoni, stabilimenti industriali e uffici, centri commerciali, centri congressi, palestre, stadi, depositi e magazzini, hotel. Le aziende del Gruppo Rubner coprono tutta la filiera produttiva: dall’industria del legno in cui sono attive RHI (Rubner Holzindustrie RHI), realtà specializzata nella produzione di segati e semilavorati in abete; NORDPAN che produce e commercializza pannelli in legno massiccio di elevata qualità, monostrato e multistrato e nelle più vaste dimensioni e qualità; alle strutture in legno dove RUBNER HOLZBAU rappresenta il settore più dinamico e tecnologicamente avanzato del gruppo dedicato alla realizzazione di grandi costruzioni in legno lamellare dalle caratteristiche innovative o particolarmente sofisticate; dai grandi progetti ‘chiavi in mano’ in cui RUBNER OBJEKTBAU è il General Contractor del Gruppo a cui viene affidata la progettazione e la costruzione di commesse complesse; alle case in legno dove RUBNER HAUS ha realizzato più di 25.000 edifici e oggi è l’unica azienda europea capace di offrire 3 differenti soluzioni costruttive: Blockhaus per case in legno massiccio, Telaio, sistema costruttivo ad intelaiatura di legno, Casablanca per case in legno massiccio intonacato; e alle case in puro legno grazie alla tecnica brevettata da holzius che consente di realizzare pareti e solai in legno senza l’impiego di colla e parti. Infine, le porte in legno in cui RUBNER PORTE si è guadagnata la fama di specialista nella produzione di porte di grande pregio per interni ed esterni ‘su misura’.

Rispondi