Che risultato porta lavorare bene se poi a saperlo sono in pochi? O se i concorrenti comunicano meglio di noi? Fare pubblicità, on line ma non solo, è importante. E sempre più attività se ne sono accorte nel 2020, quando l’ordinaria amministrazione e le posizioni di rendita sono state messe in discussione (a volte, purtroppo, in seria crisi di sopravvivenza) dalla terribile epidemia di Coronavirus che ha colpito la Lombardia e l’Italia.

In questo quadro, il 2020 è stato un anno davvero significativo, che ha determinato un forte spostamento dei consumi d’informazione e, di conseguenza, anche del mercato pubblicitario. Concretamente i giornali on line, Google e Facebook sono cresciuti, mentre altri media (come le tv generaliste e i cartacei) hanno seguito dinamiche diverse e talvolta contrapposte. Ma non esiste una campagna pubblicitaria giusta a prescindere: esiste solo la pubblicità giusta rispetto alle esigenze (anche economiche) di chi vuole farla. E in questo quadro può essere utile osservare una fotografia di Brescia, una delle province più dinamiche d’Italia sul versante dell’informazione.

FARE PUBBLICITA’ A BRESCIA

Chi vuole fare pubblicità a Brescia ha solo l’imbarazzo della scelta. Brescia è l’unica provincia italiana con due giornali cartacei prettamente locali (Giornale di Brescia e Bresciaoggi) e con due dorsi locali di giornali nazionali (Corriere e il Giorno). Ma nonostante questo sono numerosi anche i giornali on line come Today, BsNews.it e tanti altri. Poi ci sono i portali settoriali (come Calcio Bresciano) o quelli di zona (come Valle Sabbia). Ma a questo quadro, a Brescia, vanne aggiunte numerose pubblicazioni mensili cartacee su temi diversi (dalla cucina agli sposi). Senza dimenticare le radio, le televisioni locali (a partire da Teletutto) e il vecchio mondo delle affissioni (i cartelloni e i camion vela), che pur rappresentando una piccola quota del mercato non sembrano conoscere crisi. In aggiunta ai mezzi più tradizionali, poi, c’è il cosiddetto web puro: i motori di ricerca e i social, con campagne finalizzate al posizionamento naturale o alla crescita dei like attraverso i contenuti oppure quelle a pagamento. Un mondo davvero variegato di possibilità, difficile da analizzare (nei numeri, ma anche nella sostanza) per un’azienda che non opera nel settore della comunicazione. Come venirne a capo?

L’AGENZIA PUBBLICITARIA A BRESCIA

In questo contesto sta diventando sempre più importante rivolgersi ad agenzie specializzate per Brescia Pubblicità, che – attraverso figure esperte – sono in grado di fare da mediatori e aiutare il cliente nella scelta della campagna pubblicitaria più adatta alle sue esigenze. Nessuna opzione, va detto, può essere scartata a priori, perché la pubblicità giusta è solo quella che raggiunge il target giusto e al prezzo giusto. Ma solo un esperto del settore può aiutarvi a prendere l’opzione giusta aiutandovi a non sprecare risorse su mezzi non adatti alle vostre esigenze e perfino a risparmiare, perché ovviamente le agenzie migliori sono anche in grado di ottenere dai diversi media prezzi più competitivi di quelli che verrebbero offerti direttamente al cliente finale.

 

Rispondi